IL PROGETTO

Tra le missioni fondamentali dell’istruzione secondaria di secondo grado vi è quella creare le condizioni per le quali gli studenti possano intraprendere con successo il passo successivo nelle proprie traiettorie di vita.

strumenti

Per molte ragazze e molti ragazzi il passo successivo al diploma è l’accesso ai corsi universitari; si tratta in prevalenza di studenti che hanno frequentato corsi di studio di tipo liceale e un buon numero di studenti con alle spalle studi tecnici (circa il 40%). Invece, la rimanente parte degli studenti che hanno conseguito un diploma tecnico e circa l’80% dei diplomati che hanno frequentato un istituto professionale si orientano verso un ingresso nel modo del lavoro.

Ed è proprio quando ci si trova davanti alla complessità di un esame universitario o di una mansione da svolgere sul lavoro che ci si rende conto del reale valore dell’istruzione ricevuta a scuola.

L’idea di fondo del progetto eduscopio.it è proprio quella di valutare gli esiti successivi della formazione secondaria - i risultati universitari e lavorativi dei diplomati - per trarne delle indicazioni di qualità sull’offerta formativa delle scuole da cui essi provengono.

Per farlo eduscopio.it si avvale dei dati amministrativi relativi alle carriere universitarie e lavorative dei singoli diplomati raccolti dai Ministeri competenti. A partire da queste informazioni vengono costruiti degli indicatori rigorosi, ma allo stesso tempo comprensibili a tutti, che consentono di comparare le scuole in base ai risultati raggiunti dai propri diplomati.

In particolare, per i percorsi universitari dei diplomati, eduscopio.it guarda agli esami sostenuti, ai crediti acquisiti e ai voti ottenuti dagli studenti al primo anno di università, quello maggiormente influenzato dal lavoro fatto durante gli anni della scuola secondaria. Questi indicatori riflettono la qualità delle “basi” formative, la bontà del metodo di studio e l’utilità dei suggerimenti orientativi acquisiti nelle scuole di provenienza. In altre parole, i risultati universitari ci permettono di formulare un giudizio sulla qualità delle scuole secondarie superiori sulla base di informazioni che provengono da enti – gli atenei – che sono “terzi” rispetto alle scuole stesse, cioè imparziali, ma al tempo stesso molto interessati alla qualità delle competenze e delle conoscenze degli studenti.

Invece, per coloro che non proseguono gli studi e preferiscono entrare rapidamente nel mondo del lavoro, eduscopio.it verifica se hanno trovato un’occupazione, quanto rapidamente hanno ottenuto un contratto di durata significativa, se il lavoro ottenuto è coerente con gli studi compiuti o se invece è un lavoro qualsiasi. Infatti, la missione principale degli istituti tecnici e professionali è proprio quella di fornire competenze adeguate e immediatamente spendibili in termini lavorativi, curando in particolare la delicata fase di avvicinamento e ingresso al mondo del lavoro (transizione scuola-lavoro). Gli indicatori di eduscopio.it rivelano quali scuole assolvono molto bene a questa missione e quali, invece, accusano ritardi.

In definitiva, eduscopio.it offre informazioni e dati comparabili che siano utili:


calcolatrice

Al fine di garantire confronti appropriati e in grado di fornire informazioni rilevanti e utili alle scelte delle famiglie e all’autovalutazione degli istituti, eduscopio.it consente una comparazione diretta solo tra:


eduscopio.it è in continua evoluzione. Nella parte relativa agli esiti universitari dei diplomati, è un progetto ormai operativo da diversi anni e offre in modo stabile e consolidato indicazioni affidabili sulle scuole (di Stato e paritarie) ad indirizzo liceale e tecnico presenti sull’intero territorio nazionale (esclusa la Provincia di Bolzano). Nella parte relativa agli esiti lavorativi, invece, Eduscopio.it è partito in forma sperimentale nel 2015/16 in sole due regioni: Lombardia e Piemonte. Ma da questa edizione è in grado di estendere lo sguardo fino a ricomprendere le scuole ad indirizzo tecnico e professionale di altre cinque regioni: Basilicata, Emilia-Romagna, Lazio, Sardegna e Veneto; l’obiettivo è di raggiungere presto una copertura nazionale anche sul versante della valutazione degli esiti lavorativi.


Eduscopio è un progetto della Fondazione Giovanni Agnelli.

fga La Fondazione Giovanni Agnelli è un istituto indipendente di cultura e di ricerca nel campo delle scienze umane e sociali con sede a Torino.

La Fondazione non ha scopo di lucro. Lo statuto le assegna il compito di “approfondire e diffondere la conoscenza delle condizioni da cui dipende il progresso dell’Italia in campo economico, scientifico, sociale e culturale” e di operare a sostegno della ricerca scientifica. È una fondazione di tipo ‘operativo’ che promuove e realizza ricerche, organizza seminari e convegni, pubblica i risultati dei propri studi.

A partire dal 2008 la Fondazione ha scelto di concentrare le proprie attività di ricerca sui temi dell’education (scuola, università, lifelong learning), nella convinzione che la qualità del capitale umano sia, oggi più di ieri, fra i fattori principali del benessere economico, della coesione sociale e della realizzazione degli individui.

Come centro di ricerca che oggi si occupa prevalentemente di education, la Fondazione ribadisce il valore e la centralità di un sistema pubblico d’istruzione e, con particolare riferimento all’Italia, ne studia le tre dimensioni fondamentali e non separabili: la sua equità, in termini di sostanziale diritto allo studio per tutti, la sua efficacia, in termini di qualità degli apprendimenti, e la sua efficienza, in termini di migliore impiego possibile delle risorse umane e finanziarie nel rispetto degli equilibri di bilancio.

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Fondazione Giovanni Agnelli visita il nostro sito istituzionale www.fondazioneagnelli.it o seguici sui social networks Facebook e Twitter.


Per la valutazione degli esiti lavorativi la Fondazione Giovanni Agnelli ha lavorato in partnership con il Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di Pubblica utilità dell’Università Milano Bicocca che dal 1997 conduce ricerche e studi di alto profilo relativi al mondo dei servizi.

crisp Il centro è guidato dal Consiglio Scientifico e dal suo Direttore e opera attraverso un team di ricercatori con expertise in settori quali il mercato del lavoro, il sistema sanitario, l’innovazione e management dei servizi, l’istruzione, formazione e capitale umano, ma anche nelle attività di diffusione e di formazione. Il CRISP svolge attività di ricerca e di formazione post lauream, è attivo nella pubblicazione di paper, articoli e libri, organizzazione di attività di alta formazione che includono master universitari, workshop summer school o seminari.

I dati sulle carriere lavorative dei diplomati sono riscostruiti a partire dagli archivi delle Comunicazioni Obbligatorie del Ministero del Lavoro e sono stati acquisiti attraverso la promozione di appositi accordi di collaborazione con i seguenti enti regionali: